Vasto, trovato ordigno incendiario: indaga la Questura

Nel mirino di ignoti una quarantenne del luogo che ha trovato due inneschi sotto la sua automobile parcheggiata in via dei Conti Ricci

Vasto, trovato ordigno incendiario: indaga la Questura
redazione
Artificieri in azione a Vasto

È dovuto intervenire il Nucleo Regionale Artificieri della Questura di Pescara per disinnescare un ordigno incendiario, trovato oggi pomeriggio sotto un’auto in via dei Conti Ricci a Vasto.

Erano da poco passate le 14 quando una donna quarantenne del posto è salita a bordo della sua macchina, una Mitsubishi Outlander, e ha visto sul cofano una tanica: era collegata ad un ordigno con due inneschi. 

Inevitabile lo spavento della donna, che ha chiamato subito le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti la polizia e i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza la zona e bloccato il traffico. Presente anche un’ambulanza del 118 a scopo precauzionale. 

Meticoloso il lavoro degli artificieri, che hanno rimosso l’ordigno con un piccolo robot e lo hanno disinnescato intorno alle 16.30. I rilievi hanno richiesto molto tempo e si sono protratti fino a sera.

Nel frattempo, gli agenti hanno ascoltato le prime testimonianze. A quanto pare, la donna avrebbe già ricevuto altre minacce in passato. Non a caso, nell’automobile aveva collocato anche delle dashcam, fotocamere digitali che potrebbero aver ripreso gli autori del gesto, funzionanti anche con l’auto spenta. 

Le indagini sono in corso. Dalla questura massimo riserbo.

Sull’episodio si è espresso il sindaco di Vasto, Francesco Menna: "A prescindere dal movente – ha detto – si tratta di un bruttissimo gesto che assume la natura di azione criminale da reprimere con decisione. Esprimo vicinanza alla vittima e alla famiglia e profonda gratitudine alle forze dell'ordine e alla magistratura per il celere intervento e per le indagini in corso”.