Tanti i visitatori dei tesori del Fai

Proseguono anche oggi le giornate di primavera del Fai. Tracciamo un primo bilancio nel territorio dell'Abruzzo.

Più di 3.600 visitatori hanno scelto di immergersi, ieri, nei 41 luoghi ricchi di arte e storia aperti in Abruzzo grazie alle Giornate di Primavera del Fondo Ambiente Italiano. Le file di residenti e turisti hanno accompagnato tutti i percorsi guidati dagli oltre 400 volontari dell'associazione di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale. Un'immagine che ha accomunato la scoperta della fitta rete di labirinti idraulici sotterranei dell'Ipogeo di Chieti e dei borghi secolari del teramano come Nereto e Torano Nuovo, degli affreschi della Collegiata di Città Sant'Angelo in provincia di Pescara e dell'antica sapienza artigiana legata alla creazione dei confetti nel cuore di Sulmona. Un viaggio attraverso le molteplici espressioni della bellezza che prende corpo nei sentieri naturalistici di Lanciano e di San Buono, paese custode di biodiversità con una quercia millenaria. E si allarga alle frontiere più avanzate della conoscenza con l'esplorazione del Parco e del Museo tecnologico dell'azienda Tele Spazio, che raccontano l'evoluzione delle comunicazioni via satellite nel paese di Ortucchio tra le antenne del Fucino. L'interesse e la curiosità manifestati da tanti cittadini fanno ben sperare i responsabili del Fai, che prevedono per la giornata di oggi di raddoppiare l'afflusso registrato sabato.