Ennio Flaiano genio malinconico

Una nuova biografia di Ennio Flaiano, narratore, giornalista, autore di cinema e di teatro e scrittore di aforismi memorabili

"L'infelicità che gli uomini comuni lamentano viene unicamente dall'errata convinzione di esistere per il raggiungimento della felicità; o che la felicità esista perchè gli abitanti di questa scadentissima parte dell'Universo che è la Terra possano raggiungerla". E' l'amara riflessione racchiusa in un'aforisma di Ennio Flaiano tratto dal "Diario notturno". Ironia e malinconia erano i tratti distintivi dell'uomo e dello scrittore dal talento poliedrico. Per Giovanni Russo che fu suo amico "Flaiano era un uomo schivo che nascondeva con la satira la malinconia di abruzzese emigrato a Roma, il pensiero della morte e la paura della noia". 

Una nuova biografia scritta da Antonio Di Loreto racconta vita e carattere del genio malinconico a partire dall'infanzia a Pescara, nella casa dell'odierno Corso Manthonè. A 5 anni Ennio Flaiano, ultimo di 7 figli, fu mandato in collegio a Camerino e poi in altre due città, a Brescia e a Roma.

Nel cinquantenario della morte di Ennio Flaiano il libro è un omaggio al narratore, giornalista, autore di cinema e di teatro, scrittore di aforismi memorabili.