L'archeologia diventa digitale

La Soprintendenza di Chieti e Pescara punta a creare un database dei reperti non esposti al pubblico