Il vino come identità

Giornalisti da tutto il mondo in Abruzzo per conoscere i vini del territorio: un viaggio esperenziale coordinato dal Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo.

Oltre 120 giornalisti da tutto il mondo per Abruzzo Wine Experience 2022. Si chiude oggi la cinque giorni di degustazioni alla scoperta dell’Abruzzo enologico, tra bellezze naturali, cibo, cantine. Grand Tasting a palazzo d’Avalos a Vasto con oltre 300 etichette. Organizzato con la collaborazione del comune di Vasto, l'evento ha proposto in degustazione le nuove annate di tutte le produzioni territoriali, dalle più conosciute alle meno famose, pronte per mercati di nicchia e palati raffinati e curiosi. Nel corso della giornata, premiazione del concorso giornalistico internazionale “Words of Wine – Parole di vino", giunto alla sesta edizione e di Montepulciano d’Abruzzo by the glass 2021 con la consegna dei premi ai due ristoratori giapponesi che hanno ottenuto i migliori risultati di vendita del Montepulciano d’Abruzzo nel loro Paese. "La proposta che facciamo quest'anno ai giornalisti specializzati invitati nell'ambito delle attività di promozione svolte dal Consorzio è particolarmente articolata. L’obiettivo è sempre quello di far comprendere agli opinion leader internazionali la straordinaria crescita del livello qualitativo dei vini d’Abruzzo. Seguiremo con i nostri ospiti quel filo conduttore che in Abruzzo lega vino, territorio, cultura, tradizioni, e che negli ultimi anni abbiamo messo a sistema nel progetto di marketing territoriale e turismo enologico che sta sempre più premiando e che è esplicitato nel progetto 'Percorsi - Abruzzo Wine Experience'", spiega il presidente del Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo, Valentino Di Campli. Questo progetto è ora parte essenziale del nuovo 'Modello Abruzzo', che attorno a una forte identità regionale dei vini abruzzesi ne definisce una scala di valori facilmente comprensibile anche al consumatore estero, valorizzando nel contempo tutti i territori di produzione che rendono così sfaccettata l'Abruzzo dal punto di vista enologico. "La promozione territoriale, per una regione come l'Abruzzo che pur molto piccola è un concentrato di bellezze naturali vicine fisicamente ma estreme nella loro manifestazione, che vanno dal mare all'alta montagna, dalla dolcezza delle coste ai boschi selvaggi dell'interno, è la strategia che più di ogni altra può dare il massimo valore al territorio, con un ritorno per i nostri produttori. Il successo crescente dei nostri vini, dagli storici Montepulciano d'Abruzzo e Trebbiano d'Abruzzo che compie quest'anno i suoi primi 50 anni di doc, al sempre più richiesto Cerasuolo, fino all’Abruzzo Pecorino, Passerina, Cococciola, Montonico e Villamagna, ci convincono che c’è ancora molto da fare ma siamo sulla strada giusta", conclude Di Campli. Di seguito i nomi dei vincitori di Words of Wine 2022. La competizione è stata aperta a tutti gli autori di servizi giornalistici pubblicati o mandati in onda – nell’ultimo anno – in uno dei Paesi dell'Unione Europea. Per la categoria testate online RAFFAELE FOGLIA Con un approfondimento puntuale e appassionato tutto dedicato al Trebbiano d’Abruzzo pubblicato sulla rivista di settore online Identità Golose dove si occupa della newsletter dedicata al vino da molti anni e dove racconta infinite storie attraverso i calici; è sommelier e grande appassionato anche di birra artigianale; si occupa inoltre di cronaca in uno dei principali quotidiani locali della Lombardia. Per la categoria Radio ANDREA RADIC Che nella sua trasmissione A Spasso con Radic – di cui è autore e conduttore - in onda su Rai Radio Live ha fatto uno splendido racconto delle peculiarità legate al vino e al buon cibo d’Abruzzo con interviste a produttori e Chef. Torinese di nascita, milanese d’adozione, giornalista enogastronomica che collabora con alcuni tra i più importanti media di settore e non, le sue interviste regalano sempre sorprese. Per la categoria carta stampata italia STEFANO TESI Giornalista e scrittore, allievo di Montanelli presso “il Giornale”, da Siena parte spesso alla scoperta di nuove mete da raccontare; collabora con alcuni dei principali giornali italiani di gastronomia e viaggi. Dopo aver percorso molti km esplorando il nostro territorio ne ha saputo raccontare tutte le sfaccettature sulla rivista Dove esaltando la bellezza dei nostri luoghi e le prelibatezze enogastronomiche che li contraddistinguono. Per la categoria carta stampa Europa ÅSA JOHANNSON Giornalista svedese vive in Italia dal 2001 e si è laureata in Media e Giornalismo all’università di Firenze. Con diploma 3° livello WSET, collabora con diversi quotidiani e riviste di vino e viaggi in Svezia e Norvegia. Sulla rivista BKWine Magazine è riuscita a dar voce a un Abruzzo del vino inedito enfatizzando il forte legame tra territorio e vino. Per la categoria TV FLORIANA BERTELLI Volto storico del TG3 Nazionale in Fuori Tg ha dato voce a produttori e vignaioli abruzzesi accompagnando il suo pubblico in un viaggio alla scoperta dell’enologia regionale, delle sue sfide e dei risultati raggiunti fino ad ora. Per la categoria TV FRANCESCA TOPI E MARCO ROSSETTI GEO&GEO Dal febbraio 2017 scrivono, producono e realizzano documentari sull'agroalimentare e sulla cucina per Geo&Geo (Rai Tre) dove è stato mandato in onda un bellissimo video con immagini emozionanti che, dal mare alle vigne, passando per cantine e meravigliosi piatti, hanno saputo raccontare al pubblico la nostra incredibile terra.