Una scrittrice riscoperta: Laudomia Bonanni

Oltre 50 anni di attività tra romanzi, racconti e articoli. Riuniti in un unico volume la raccolta "Il fosso" e il romanzo "La rappresaglia"

Oltre 50 anni di scrittura tra romanzi, racconti e articoli per i giornali. Prosegue la riscoperta dell'opera di Laudomia Bonanni su cui era calata un'ombra immeritata. Nata all'Aquila nel 1907 e morta a Roma nel 2002 è stata insegnante elementare e poi consulente del Tribunale dei minori. La casa editrice Textus ha riunito in un unico volume la raccolta di racconti "Il Fosso" del 1948  e il romanzo "La rappresaglia" del 1985 pubblicato postumo nel 2003. Gianfranco Giustizieri ha scritto l'introduzione.

La scuola, i piccoli paesi dell'interno dell'aquilano e la giustizia minorile furono per Laudomia Bonanni altrettanti osservatori della realtà sociale del suo tempo. Il mondo dei diseredati, la condizione femminile, le macerie materiali morali della guerra sono i temi delle sue opere.