Umberto Adamoli Giusto tra le Nazioni

Lo Yad Vashem (nel video) ha incluso l'ex podestà di Teramo nell'elenco degli eroi che rischiarono la vita per mettere in salvo gli ebrei dalla persecuzione nazista

Umberto Adamoli riconosciuto "Giusto tra le nazioni" dal Memoriale della Shoah di Gerusalemme al termine di un complesso iter, inizato nel 2021 con le  ricerche degli storici Paola Fargion e Meir Polacc. 

Nato a Teramo nel 1878, podestà prima a Silvi e poi nel capoluogo teramano dal 1939 fino alla liberazione, Adamoli contribuì alla salvezza di ebrei triestini e stranieri dalla deportazione nei campi di sterminio nazisti. 

Suo anche l'atto di eroismo con cui si offrì in ostaggio ai tedeschi per la rappresaglia contro cento inermi cittadini teramani a seguito dei fatti di Bosco Martese. Per il sindaco, Gianguido D'Alberto, il riconoscimento conferma l'impegno della comunità nella scelta della parte giusta da cui stare e nella difesa del valore della vita e della dignità umana, in ogni tempo e in ogni luogo". 

Nel video, immagini dello Yad Vashem.