Basilicata
16 Maggio 2022 Aggiornato alle 20:00
Economia & Lavoro

Basilicata e gas: che fine fa la "quota lucana" delle estrazioni?

Prima per produzione, la Regione ha diritto a 200 milioni di metri cubi all'anno, ma non ha ancora deciso come utilizzare la risorsa che le spetta in base agli accordi con le compagnie petrolifere
di Sara Lorusso
Credits © foto ANSA
Duecento milioni di metri cubi di gas all'anno, pari al 16% di tutto il gas estratto in Basilicata. Ma la Regione non ha ancora deciso come utilizzare questo capitale energetico ed economico assegnatole dagli accordi con le compagnie petrolifere. Un bottino da impiegare o nella fornitura gratuita alle famiglie lucane o monetizzandolo sul mercato. 

La Basilicata è il principale estrattore di gas da terraferma del Paese.  Sono 107 i milioni di metri cubi raccolti nel solo mese di gennaio. Di questo passo anche il 2022 si chiuderà con circa 1 miliardo e 200 milioni di metri cubi. Più o meno come nel 2021, quando si registrò un calo importante rispetto all'anno precedente

Del totale, il 6% viene estratto da Total, Shell e Mitsui. La maggior parte, invece, deriva dalle concessioni Eni. Ma solo l'impianto Total Tempa Rossa produce anche gpl: 240 tonnellate al giorno.

A gennaio scorso, l'incontro sull'iter da attivare, tra il presidente Vito Bardi e Filippo Bubbico, amministratore dell'Acquirente unico, la società pubblica che vigila sui contratti di fornitura dell'energia. 

Accelerare sulla scelta e renderla operativa, è la richiesta di Confindustria Basilicata. «Non c'è più tempo per interventi che già avrebbero potuto attenuare i sacrifici delle famiglie lucane», scrive il presidente Francesco Somma. 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Economia & Lavoro