Basilicata
07 Luglio 2022 Aggiornato alle 14:13
Cronaca

Coniugi condannati per circonvenzione di incapace

Caduta l'accusa di sequestro di persona per la coppia di Lagopesole che portò in casa propria un 59enne per sottrargli la pensione
Credits © TgrBasilicata Il palazzo di giustizia di Potenza
Il palazzo di giustizia di Potenza
La Corte di Assise di Potenza ha condannato una coppia di Avigliano per circonvenzione di incapace ai danni di un 59enne del paese. Al termine del processo celebrato con il rito immediato, la Corte ha condannato a un anno e dieci mesi Stefania Santoro, di 42 anni, e a un anno e due mesi (pene sospese) il marito, Antonio Dimichino, di 48, per aver approfittano delle condizioni di fragilità dell'anziano concittadino, al quale avevano sottratto circa mille euro di pensione.
Il pm Sarah Masecchia aveva chiesto una condanna più dura, ipotizzando anche i reati di sequestro di persona e lesioni, poi non riconosciuti dai giudici.

I fatti accaddero a Lagopesole, frazione di Avigliano, il 26 novembre 2021. A quanto ricostruito dagli inquirenti, moglie e marito erano stati avvistati con la vittima nelle vicinanze di uno sportello postale. Lì quest'ultimo avrebbe prelevato la somma, per poi andare con i due coniugi nella loro abitazione. Lì fu ritrovato, in uno scantinato, durante un sopralluogo dei Carabinieri, allertati dalla famiglia del 59enne, che aveva presentato denuncia di scomparsa, poche ore prima.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca