Bolzano
17 Febbraio 2019 Aggiornato alle 22:18

Noi per l'Alto Adige punta al rilancio

Lo scorso ottobre ha fallito l'obiettivo di eleggere un consigliere provinciale, ma la formazione politica "Noi per l'Alto Adige" è decisa a rilanciare la sua proposta territoriale in vista delle comunali 2020

Nella piccola sede di via Giuliani a Bolzano sono arrivati buona parte dei consiglieri comunali e di quartiere che si riconoscono in Noi per l'Alto Adige. "Siamo orgogliosi della nostra identità territoriale - ha detto il responsabile comunicazione ed ex capolista Ennio Chiodi - ma da moderati guardiamo con preoccupazione al diffondersi in Italia di populismo e sovranismo. E con la Lega in giunta provinciale, la comunità italiana è sottorappresentata". 
"Quando la Democrazia Cristiana aveva 4 consiglieri, come oggi la Lega - ha ricordato il fondatore del movimento Roberto Bizzo - gli assessori italiani gestivano competenze di peso ben maggiore".
L'ex assessore comunale Mauro Randi ha avanzato la proposta di un trasferimento di competenze dalla provincia ai comuni, ad esempio per le politiche giovanili e del lavoro.    
Presto si terrà un'assemblea costitutitiva e verranno date indicazioni di voto per le europee.
 

Potrebbero interessarti anche...

Altri video da Politica & Istituzioni