Bolzano
11 Dicembre 2019 Aggiornato alle 05:19
Economia & Lavoro

Operatori dell'idroelettrico: "Il decreto sulle rinnovabili ci danneggia"

Un tavolo di lavoro a Bolzano ha visto riuniti gli operatori che chiedono alla politica un cambio di atteggiamento nei confronti del settore
di Monica Pietrangeli

C'è preoccupazione nel mondo della produzione di energia idroelettrica: il decreto sulle energie rinnovabili varato dal governo e ora al vaglio della Commissione europea, penalizza il settore eliminando gli incentivi. Settore già appesantito da canoni di concessione in continua ascesa e dalla crescente siccità. Dunque è alla politica che si rivolgono gli operatori del comparto riuniti a Bolzano, chiedendo di essere coinvolti nelle decisioni future.
L'idroelettrico, che rappresenta il 40% delle fonti rinnovabili e che ha una filiera completamente italiana, non è più quello di un tempo, dicono gli addetti per rispondere all'accusa di danneggiare le acque naturali: gli impianti oggi devono rispondere a precisi criteri di sostenibilità e, sopratutto le piccole centrali presenti nell'arco alpino, svolgono un ruolo importante di contrasto al dissesto idrogeologico e di sostegno all'agricoltura.
(mp)

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Economia & Lavoro