Bolzano
16 Giugno 2019 Aggiornato alle 09:23
Ambiente

A un anno dal via libera, la nuova legge sul territorio non entra in vigore

Il provvedimento prevede un impianto ambizioso e complesso che ad oggi è ancora alla fase preparatoria con un progetto pilota in sette Comuni
di Monica Pietrangeli

E' passato un anno dall'approvazione della nuova legge su territorio e paesaggio della provincia di Bolzano. Ma ancora non è entrata in vigore. Era dagli anni settanta che in Provincia di Bolzano non si metteva mano alle regole su urbanistica e paesaggio. Per questo la legge varata a giugno del 2018, che riunisce i due settori, presenta un impianto ambizioso. 
Ma è talmente ambizioso e complesso che ad oggi si è ancora alla fase preparatoria. La legge trasferisce molte competenze ai comuni, i quali avranno per così dire mano libera, ma soltanto nelle aree cosiddette insediabili. Un passaggio complicato è proprio quello dell'individuazione di tali aree. Per questo è iniziata una fase pilota per i sette Comuni di Chiusa, Cortaccia, Corvara in Badia, Tubre, Racines, Nova Levante e Lana: comuni piccoli e grandi, rurali e turistici e appartenenti a tutti i comprensori, cui spetta il compito, aiutati da un apposito comitato guida, di pianificare lo sviluppo del proprio territorio per almeno 10 anni. A rallentare il meccanismo c'è anche l'aspetto legislativo: per l'entrata in vigore della nuova legge servono le norme di attuazione: per ora sono state approvate soltanto 8 delle 26 previste. 
Servirà accelerare il processo perché la data del gennaio 2020 stabilita dalla nuova assessora competente Maria Hochgruber Kuenzer per l'entrata in vigore della legge possa essere rispettata.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Ambiente