Bolzano
30 Marzo 2020 Aggiornato alle 22:04
Politica & Istituzioni

Giardino vescovile, esposto alla Corte di Conti

"Iniziativa per il futuro del Giardino vescovile" torna alla carica: quegli ettari a Bressanone vanno aperti al pubblico e non trasformati in un'attrazione turistica da 10 milioni di euro
di Lucio Giudiceandrea, riprese Paolo Tommasini, montaggio Christof Glira.

Esiste da ben 750 anni, ma per la maggior parte della sua storia il Giardino vescovile nel centro di Bressanone è rimasto chiuso.
Il Comune lo ha preso in affitto dalla Curia nel 2008, ma da allora i 2,5 ettari di verde e alberi sono stati accessibili per non più di 330 giorni. 
Un progetto per farne un parco pubblico c'è; ma la giunta comunale del sindaco Brunner lo ha accantonato, preferendo un'altra destinazione: farne un giardino-evento, anzi, un "giardino delle meraviglie", con ingresso a pagamento. L'incarico di progettarlo è andato all'artista austriaco René Heller e i costi sono cresciuti arrivando a 10 milioni, per cui il gruppo ha presentato un esposto alla Corte dei conti. Per di più, dice Magdalena Fischnaller, un'esponente del gruppo, il progetto non è stato ancora presentato alla cittadinanza nonostante la promessa del sindaco.
Il servizio è di Lucio Giudiceandrea, le riprese di Paolo Tommasini, il montaggio di Christof Glira. 
 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Politica & Istituzioni