Bolzano
14 Dicembre 2019 Aggiornato alle 22:30
Scienza & Tecnologie

Una casa a idrogeno

A Casere di Predoi, in valle Aurina, sorge la prima casa a emissioni zero. L'energia per illuminarla e scaldarla è assicurata da un sistema combinato turbina-idrogeno. Un esempio da imitare, è stato detto durante l'inaugurazione
di Lucio Giudiceandrea

La valle Aurina ha fama di essere una delle più remote della provincia di Bolzano. Eppure è qui che trova applicazione una nuova tecnologia, sviluppata da un'azienda americana e applicata per la prima volta nell'area alpina. Si tratta di un sistema combinato che sfrutta l'acqua corrente trasformandola in elettricità; e fin qui nulla di nuovo. Originale è invece il fatto che con la stessa elettricità si ricava dall'acqua mediante elettrolisi dell'idrogeno, che poi viene stoccato con una nuova tecnologia per essere usato quando la portata del fiume, e dunque la produzione di elettricità, cala.
L'impianto è stato voluto dai proprietari della casa che di per sé ha una storia interessante. Risale infatti al 1600, è costruita in legno di larice e pietra, e ospitava al tempo gli uomini che lavoravano nella vicina miniera di rame di Casere. 

 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Scienza & Tecnologie