Bolzano
14 Dicembre 2019 Aggiornato alle 19:41
Scienza & Tecnologie

Pazzi per la luna

La mostra inaugurata al Museo delle scienze naturali di Bolzano a 50 anni dallo sbarco del primo uomo sul satellite. Un'occasione per riflettere anche sulla fragilità della Terra
di Lucio Giudiceandrea; immagini di Hannes De Paoli; montaggio di Massimo Vicentini

Tutti ricordano Neil Armstrong e la missione di cui era il capitano, la Apollo 11.
Mezzo secolo fa, il 21 luglio del 1969, fu il primo uomo a mettere piede sulla luna. 
Un'avventura che inizia molti anni prima, caratterizzata da un'accesa rivalità tra Stati Uniti e Unione Sovietica e conclusasi con la bandiera a stelel e strisce piantata sul nostro satellite da Armstrong e il suo collega Alec Baldwin. 

Parte di questa avventura è raccontata nella mostra "Pazzi per la luna", allestita al Museo di scienze naturali di Bolzano con riproduzioni, installazioni, immagini e documenti. Interessantissima, ad esempio, la riproduzione dei dialoghi tra  la base di Houston e gli astronauti nel modulo già allunato; o la ricostruzione di un angolo di paesaggio lunare con la prima impronta lasciata dall'uomo. 

Un'impresa epocale, la definisce David Gruber, astrofisico e direttore del museo. 

La mostra resta aperta fino al giugno 2020. In collaborazione con il gruppo astrofili "Max Valier" il museo organizza nei prossimi mesi osservazioni al telescopio della luna in fase crescente.   

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Scienza & Tecnologie