Bolzano
21 Agosto 2019 Aggiornato alle 06:41
Turismo

La tempesta Vaia non ferma il turismo a Carezza

Gli alberi schiantati l'anno scorso sono stati tagliati e i danni alle foreste saltano subito all'occhio. Per alcuni il lago ha perso la sua magia, altri - pur consapevoli di quello che è successo - hanno comunque voluto fare un'escursione al lago
di Diana Benedetti immagini Massimo Vicentini montaggio Maria Antonietta Caramia

A Carezza questa è la prima estate dopo la tempesta Vaia di fine ottobre del 2018.
Si è lavorato senza sosta in questi mesi per tagliare gli alberi schiantati, sgombrare le strade e permettere ai turisti di raggiungere il lago. Gli abeti sopravvissuti in mezzo alla devastazione raccontano da soli quello che è successo in quei momenti.
Ma la zona non è stata dimenticata. Per alcuni turisti senza le sue foreste il lago ha perso la magia che lo ha reso celebre.
Chi sapeva di Vaia ha comunque deciso di trascorrere qualche ora passeggiando intorno a questo specchio d'acqua.
La speranza di tutti è che la zona torni ad essere quella di una volta, anche se ci vorranno moltissimi anni. 

Nel servizio le interviste ad alcuni escursionisti 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Turismo