Bolzano
17 Novembre 2019 Aggiornato alle 12:38
Società

Emergenza freddo: tra chi ha bisogno di un tetto molti lavoratori

Il sindaco Caramaschi fa appello ai loro datori di lavoro. E intanto con l'inverno appena arrivato a Bolzano la struttura per l'emergenza freddo di via Comini è già al limite
di Giuseppe Bucca

L'inverno si avvicina e Bolzano torna a fare i conti con l'emergenza freddo per i senza fissa dimora. Il loro numero è in aumento e il Comune è alla ricerca di nuove soluzione per offrire a tutti un ricovero notturno. 
Le temperature non sono ancora così rigide, ma l'ex segheria di via Comini - trasformata in centro di ricovero notturno per l'emergenza freddo - è già al limite.
Per il sindaco Caramaschi, a Bolzano vivono in questo momento 130 senza fissa dimora. E sono decine le richieste insoddisfatte per un posto letto. Si punta quindi a riattivare i container di via Marcello ai piani e in caso di necessità si valuterà l'utilizzo del PalaResia quando l'inverno sarà più inclemente.
Tra gli ospiti di via Comini ci sono anche molti lavoratori - una trentina - in difficoltà nel trovare un alloggio a costi sostenibili.
I loro datori di lavori - è l'appello il sindaco Caramaschi - dovrebbero offrire un sostegno.


 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Società