Bolzano
17 Novembre 2019 Aggiornato alle 13:59
Salute

La provocazione di Suedtiroler Freiheit finisce in tribunale

Esposto dei 5 stelle sul poster col cadavere e la scritta "il medico non sapeva il tedesco", messo alla berlina dalla satira locale
di Luigina Venturelli, montaggio di Michele Porrino

Le persone in attesa dell'autobus non sembrano farci troppo caso, ma il cadavere col cartellino sull'alluce "Il medico non conosceva la lingua tedesca" continua ad alimentare la polemica politica. I provocatori manifesti firmati da Sudtiroler Freiheit - in bella vista proprio alla fermata davanti all'ospedale di Bolzano - saranno oggetto di un'interrogazione al governo da parte del capogruppo alla Camera di Fratelli d'Italia, Francesco Lollobrigida. Ma, in seguito alla presentazione di un esposto in procura da parte del consigliere provinciale dei 5 Stelle, Diego Nicolini, potrebbero avere anche conseguenze penali, spiega il pentastellato nell'intervista.
Per il momento, nonostante l'esortazione dell'Ordine provinciale dei medici, il direttore dell'Asl Zerzer e l'assessore Widmann non hanno ancora preso posizione. Non si è fatta attendere, invece, la satira locale, con il grafico bolzanino Rudi Zancàn che ironizza sugli strumenti realmente utili al mestiere del medico (bottiglia di grappa e martello da carpentiere) e la pagina Facebook Gries ist nicht Bozen che canta le lodi di un sano feticismo.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Salute