Bolzano
13 Aprile 2021 Aggiornato alle 23:53
Arte & Cultura

Here to stay, 80 nuove opere nella collezione permanente del Museion

In attesa della riapertura, presentata alla stampa la prima mostra del 2021 con pezzi provenienti da collezioni private
di Luigina Venturelli, montaggio di Daniel Hainz

Un calco antico della dea Atena con elmo, corda e un frigofero obsoleto, per riflettere sull'utilità dei reperti museali in assenza di un pubblico che li ammira. Sculture bianche di polietilene frutto della combinazione casuale di volti e di corpi. Il destino dei monumenti davanti ai cambiamenti storici. E le opere di Franco Vaccari, frutto anche della partecipazione attiva dello spettatore al processo creativo. La nuova mostra del Museion, presentata in anteprima alla stampa in attesa che l'evoluzione dell'emergenza sanitaria consenta la riapertura al pubblico, si intitola Here to Stay. Sono qui per rimanere, le 80 nuove opere che entrano a far parte della collezione permanente del museo bolzanino grazie ad importanti donazioni private: oggetti d'arte concettuale della seconda metà del 900 provenienti dall'Archivio di Nuova Scrittura di Paolo Della Grazia, e pezzi dei primi anni Duemila. Per indagare il ruolo storico dell'arte, che trova autenticità nel rapporto con chi ne gode la bellezza.
L'ultimo piano è stato lasciato vuoto. Segnale del difficile momento della cultura per l'assenza del pubblico. Ed invito alle istituzioni e agli operatori del settore a fornire il proprio contributo di creatività.
Nel servizio, l'intervista a Marion Piffer Damiani, Presidente Fondazione Museion.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Arte & Cultura