Bolzano
03 Ottobre 2022 Aggiornato alle 18:44
Ambiente

Merano, via alla campagna per sensibilizzare sui rifiuti

La città è molto indietro sull'indifferenziata rispetto ai comuni più virtuosi. 200 chili l'anno per abitante anziché 50. Ora un quiz e molta informazione a scuole e famiglie. Da gennaio 2023 la raccolta porta a porta dell'organico
di Barbara Ciolli. Montaggio: Alessio Deluca

Il 9 gennaio inizierà a Merano la raccolta porta a porta dei rifiuti organici di Asm. Che si stima abbattere di almeno 20% la quota di indifferenziato. Ma occorre fare da subito di più: Merano è molto indietro rispetto ai comuni virtuosi. Ogni anno nella città si producono 200 chili l'anno di spazzatura indifferenziata per abitante. Si punta, spiega l'assessora all'Ambiente e vicesindaca Katharina Zeller, a scendere almeno a 75 chili pro capite.

Si parte intanto con un quiz online a premi per la popolazione: 5 buoni da 100 euro per chi  risponde correttamente alle domande da compilare entro il 20 ottobre. Tanti anche i progetti per educare bambini e ragazzi, racconta Gianluigi Di Gennaro, della rete Scuole sostenibili di Merano. Nelle scuole di Merano sono sparite le bottigliette di plastica e l'80% delle fotocopie. Si punta ora a collaborare con tutte le latterie sociali per togliere i tappi di plastica dalle buste di latte.

Fondamentale anche abbattere gli imballaggi, acquistando più a chilometro zero, raccomanda anche il presidente di Asm Merano, Hans Werner Wickertsheim. Less is more, weniger ist mehr è il motto della campagna del Comune organizzata con Asm, comitati di quartiere, associazioni come Plastic Free Merano. Produrre sempre meno rifiuti, è l'obiettivo, per bruciarne o riciclarne il minimo. 


					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Ambiente