Calabria
13 Agosto 2022 Aggiornato alle 23:11
Cronaca

Anticipazioni del rapporto Svimez 2022

In Calabria Pil prossimo allo zero: dopo il balzo del 2021, torna la crisi

La ripresa del dopo-pandemia bruciata dall'incertezza causata anche dalla guerra in Ucraina. Aumenta il divario tra Nord e Sud
di Maria Teresa Santaguida
Credits © Ansa Le anticipazioni del rapporto Svimez 2022
Le anticipazioni del rapporto Svimez 2022
Le famiglie e le imprese stanno facendo i conti con l’inflazione, in particolar modo nel Mezzogiorno. Crollano i consumi al Sud. Gli investimenti crescono nel mezzogiorno nel 2022 (+12,2%) più che al Nord (10,1%) per poi rallentare significativamente negli anni successivi. Sono le previsioni per il 2022-2024 che emergono dalle anticipazioni del Rapporto Svimez 2022 presentate alla Camera dei Deputati.
watchfolder_TGR_CALABRIA_WEB_SANTAGUIDA RAPPORTO SVIMEZ 2022-08-04.mxf
Le anticipazioni del rapporto Svimez 2022Le anticipazioni del rapporto Svimez 2022
La crescita del Pil
Nel 2022, la maggiore crescita del Pil si registrerà in Trentino Alto Adige, a +6%; a livello più basso della classifica Molise (+1,7%) e Calabria e Umbria (+1,9%). La Calabria perde così quanto guadagnato nel 2021, +5,6% di Pil, dopo il tonfo di -8,9% del 2020. Ancora meno rosee le previsioni per gli anni a venire: +0,1% nel 2023 e +0,4 nel 2024.

Utilizzare il PNRR per colmare il divario di infrastrutture sociali a partire dall’istruzione
Nel Mezzogiorno circa 650 mila alunni delle scuole primarie statali (79% del totale) non beneficiano di alcun servizio mensa. In Campania se ne contano 200 mila (87%), in Sicilia 184mila (88%), in Puglia 100mila (65%), in Calabria 60mila (80%). 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca