Emergenza idrica, gli agricoltori del crotonese hanno annunciato la chiusura delle aziende

Una delegazione ha incontrato la sindaca di Isola Capo Rizzuto

Emergenza idrica, gli agricoltori del crotonese hanno annunciato la chiusura delle aziende
Ansa
ANSA

Una folta delegazione di agricoltori ha consegnato alla sindaca di Isola Capo Rizzuto le Partita Iva delle rispettive aziende e annunciato la chiusura delle attività a causa dell'emergenza idrica, "in quanto in queste condizioni non è possibile andare avanti". I motivi della protesta sono stati segnalati dalla sindaca Maria Grazia Vittimberga a una serie di autorità, tra le quali il commissario del dipartimento Agricoltura della Comunità europea, il ministro all'Agricoltura, il commissario del Governo per la siccità, il prefetto di Crotone e il presidente della Regione Calabria.

"Gli agricoltori - scrive la sindaca - hanno chiesto all'Amministrazione di farsi portavoce delle difficoltà delle loro aziende ormai al collasso. Al fine di salvare le colture e centinaia di posti di lavoro, chiedono a gran voce l'erogazione dell'acqua fino alla riapertura del lago di Sant'Anna. 

Nel corso dell'incontro è stata comunicata l'intenzione di uno sciopero ad oltranza, sulla statale 106, qualora la situazione non dovesse migliorare. L'assessore comunale all'Agricoltura Gaetano Muto afferma che l'Amministrazione "sarà vicina agli agricoltori fino a quando non si uscirà da questa crisi". 

La sindaca ha manifestato vicinanza agli agricoltori, alle loro famiglie, alle aziende, consapevole "che il fallimento di un comparto cosi importante per il paese rischierebbe di mettere in ginocchio l'economia di tutto il territorio con danni incalcolabili". Pertanto, conclude la nota, "si è fatto carico di chiedere dei tavoli tecnici ai vari livelli".