Calabria
02 Luglio 2022 Aggiornato alle 18:42
Cronaca

Catturato il boss Vittorio Raso, terzo latitante più ricercato d'Italia

Il colonnello della 'ndrangheta era detto "l'esaurito". In Spagna è stato fermato e arrestato a seguito di un normale controllo della polizia. Estorsione e narcotraffico i reati che perpetrava, mettendo in ginocchio gli imprenditori del nord
di Maria Teresa Santaguida

Sembra un film già visto, i documenti falsi con cui si aggirava indisturbato nella zona di Barcellona, un controllo della polizia, l'arresto. Torna in manette Vittorio Raso, detto "l'esaurito", numero 3 nella lista dei latitanti italiani all'estero. Due anni fa erano state sempre le divise iberiche, in collaborazione con la squadra mobile di Torino, a sorprenderlo nella costa brava. Tuttavia, dopo neanche 48ore un tribunale del posto lo aveva scarcerato: nel fascicolo non c'erano, per errore, le carte necessarie - secondo il giudice - alla misura cautelare, ma solo elementi determinanti l'usura.
Reato - assieme all'estorsione, al narcotraffico e all'associazione mafiosa - che invece, Raso secondo gli investigatori italiani - perpetrava in grande stile, mettendo in ginocchio gli imprenditori piemontesi per finanziare i boss. Al nord la base operativa, la testa a sud, nella piana di Gioia Tauro, territorio del clan Crea, a cui faceva riferimento.
Accuse, emerse anche nell'operazione Pugno di ferro, che gli erano valse una condanna a 20 anni, e da cui cercava di sottrarsi ormai da 4.
Vangelo, il suo grado, nella società maggiore, una sorta di tenente colonnello della 'ndrangheta con le funzioni di broker di droga e denaro.
Lo suggerisce l'ultimo sequestro nel Canavese, a fine gennaio scorso: diversi Rolex e 300mila euro in contanti per un tesoro lasciato in garage.
Dopo il primo arresto gli agenti della Mobile torinese avevano trovato anche 13 chili di droga.
 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Cronaca