Anche a Crotone agricoltori in ginocchio tra siccità e bollette troppo care

Alle porte di Cutro, Leopoldo Fazzolari, è rimasto solo a coltivare la terra e a prendersi cura dei propri animali. I rincari delle bollette ipotecano il futuro delle aziende. E l'estate è stata difficile per la mancanza d'acqua

"La terra ci fa mangiare e fa mangiare, per questo io resto qui". Leopoldo Fazzolari, 43 anni e 4 figli, ha un'azienda agricola alle porte di Cutro: un sogno coltivato da sempre, a cui è attaccato tenacemente, ma che ora si scontra con problemi enormi.

Un'estate siccitosa ha lasciato i bacini a secco ed "è mancata anche l'acqua della rete, che serve a far bere gli animali", racconta.
Il gasolio agricolo è arrivato a prezzi inavvicinabili. E la mancanza di personale costringe a fare turni doppi in campagna: "Non si trovano persone disposte ad imparare questo mestiere", racconta ai nostri microfoni.