Il decalogo del risparmio energetico della Rai

Al via "La giusta energia", la campagna della Rai, in collaborazione con Enea, per promuovere la cultura del risparmio energetico. 10 consigli pratici per limitare il consumo e l'impatto sull'ambiente

Siccità. Eventi estremi. Scioglimento dei ghiacciai. Cambiamenti climatici. Da anni ormai il pianeta lancia segnali inequivocabili. La sua salute è precaria e bisogna correre ai ripari prima che sia troppo tardi. il contesto geopolitico poi, con la guerra in Ucraina che ha prodotto aumento dei prezzi e difficoltà di approvvigionamento delle fonti, impone un'inversione di tendenza.
 
Le risposte devono arrivare dalla politica, ma anche i cittadini possono contribuire a ridurre i consumi e a tutelare l'ambiente.
Seguendo le indicazioni dell'Enea, la Rai ha realizzato il decalogo del risparmio energetico.

Gli edifici pubblici e privati? Meglio le lampadine a led. La loro durata è venti volte superiore a quella delle alogene, con una luce otto volte più intensa. Meglio la doccia del bagno. Si consuma meno acqua. Se a scendere sono anche durata e temperatura, il risparmio di gas può toccare il 35%. Niente stand by di tv ed elettrodomestici. Il consumo di energia non si blocca.
Case riscaldate fino a 19 gradi, con finestre aperte solo il tempo necessario a consentire il ricambio dell'aria.

Importante provvedere alla manutenzione del frigorifero e degli altri elettrodomestici. In cucina ridurre la fiamma sotto le pentole e spegnere il forno qualche minuto prima: azioni che non pregiudicano la cottura dei cibi, ma salvaguardano il consumo di energia elettrica e gas. Infine, ricordare di spegnere sempre le luci se non necessarie. Piccoli gesti che possono fare tanto.