IL VIDEO - A Bagnoli parte il pedibus, bambini a scuola a piedi

Via alla sperimentazione di 4 mesi. Con la supervisione dei genitori e dei referenti della X Municipalità gli studenti della Madonna Assunta possono raggiungere l'istituto passeggiando e socializzando

IL VIDEO - A Bagnoli parte il pedibus, bambini a scuola a piedi
TgrRaiCampania
La sperimentazione del pedibus partita a Bagnoli

Ha una partenza, un percorso, un orario, fermate intermedie prestabilite e un capolinea, la scuola. Proprio come un autobus, solo che l’intero tragitto viene coperto a piedi.

Protagonisti sono i piccoli studenti che dalle case dove vivono raggiungono il proprio istituto passeggiando. E i genitori che, a turno, sorvegliano il festoso corteo.

E’ il pedibus, una modalità di accompagnamento salutare, ecologica e in grado di promuovere la socialità tra i bambini.

Questa mattina è partita la sperimentazione a Bagnoli con le due linee che hanno raggiunto l’istituto comprensivo Madonna Assunta: quella rossa con partenza dalla metropolitana di Bagnoli e fermate intermedie alla stazione della Cumana di Bagnoli e a piazzetta Bagnoli e quella verde, con partenza dalla stazione della Cumana Dazio e rapido percorso fino alla scuola.

Una trentina di bambini, entusiasti, hanno usufruito del pedibus nel giorno dell’inizio della sperimentazione che durerà quattro mesi: aprile e maggio e poi settembre e ottobre del prossimo anno scolastico. Sulla testa un cappello giallo per essere identificabili; intorno, per vigilare sugli attraversamenti stradali e indicare il tragitto, alcuni genitori con una pettorina e la scritta “Il mondo cambia con il tuo esempio”, i referenti della decima Municipalità e una volontaria delle Protezione civile.

I bambini in marcia sulla linea rossa TgrRaiCampania
I bambini in marcia sulla linea rossa

Il pedibus è un’iniziativa nata dall’intraprendenza dei genitori, attraverso il Consiglio d’istituto, e dalla lungimiranza della decima Municipalità Bagnoli-Fuorigrotta, guidata dal presidente Carmine Sangiovanni. Il Consiglio ha approvato all’unanimità il progetto sperimentale che ha messo d'accordo tutti, al di là dell'appartenenza politica. L'istituto Madonna Assunta conta circa 600 studenti tra scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado.

“Al mattino davanti all’ingresso di via Pozzuoli si creano ingorghi con auto parcheggiate in doppia fila, code e difficoltà per i genitori nell’accompagnare i propri figli - spiega Antonio D'Angelo, presidente del Consiglio d’istituto - con il pedibus proviamo a ridurre l’impatto dei veicoli e a rendere più scorrevole il traffico. In più educhiamo i bambini a non usare le auto. Questa è una scuola d’eccellenza, con un forte senso di comunità ed è stato grazie alla collaborazione tra la dirigente scolastica Patrizia Vece, i docenti e i genitori se siamo riusciti a far partire questo progetto”.

L'arrivo di alcuni bimbi a scuola con il pedibus TgrRaiCampania
L'arrivo di alcuni bimbi a scuola con il pedibus

All’inaugurazione del pedibus hanno partecipato il vicepresidente della decima Municipalità Sergio Lomasto, la presidente della Commissione Scuola e Istruzione Daniela Ferraro, numerosi consiglieri e il presidente della Commissione Viabilità-Mobilità sostenibile Gianluca Cavotti.

“Contestualmente a questo progetto ad aprile iniziamo un percorso di educazione stradale nelle scuole - spiega Cavotti - Il pedibus ha un alto valore simbolico e speriamo abbia un significativo impatto sulle coscienze. In più ci aiuta a ridurre l’uso delle auto e dei mezzi inquinanti a salvaguardia dell’ambiente”.

Per questo motivo il Consiglio della decima municipalità ha deliberato la creazione di quattro linee del pedibus. Oltre a quelle rossa e verde verranno inaugurate a maggio a Fuorigrotta quella gialla con partenza in piazza San Vitale e arrivo in tre istituti, Doria, Leopardi e Cariteo; e quella blu con destinazione l’istituto Silio Italico.

La partenza della linea rossa del pedibus alla metropolitana di Bagnoli TgrRaiCampania
La partenza della linea rossa del pedibus alla metropolitana di Bagnoli

Per il pedibus di Bagnoli la supervisione dei bimbi è affidata al momento a una ventina di genitori che si organizzano in turni per garantire la presenza lungo il percorso.

“Questa idea ha attecchito in luoghi molto diversi, dalla Svizzera a Palermo - evidenzia Marco Cerchia, consigliere d’istituto del Madonna Assunta, promotore dell’iniziativa - per i bambini è una festa perché socializzano e nel tragitto verso la scuola chiacchierano e nascono nuove amicizie. Così inoltre incentiviamo l'uso alternativo alle auto e la partecipazione dal basso dei genitori”.

In più con il pedibus i bimbi camminano, dunque fanno attività fisica quotidiana, e sviluppano abilità a destreggiarsi nel quartiere in modo da essere più preparati ad affrontare il traffico quando andranno in giro da soli.

La sfida ora è consolidare questa bella esperienza, radicandola dopo la fase di sperimentazione.

 

I genitori che conducono e animano il pedibus TgrRai Campania
I genitori che conducono e animano il pedibus