Bacoli

80enne spara alla moglie e si barrica in casa: arrestato nella notte

La donna, raggiunta da due colpi al fianco, non è in pericolo di vita. Dopo 13 ore di trattative i carabinieri hanno fatto irruzione nell'abitazione e hanno arrestato l'uomo ora accusato di tentato omicidio
80enne spara alla moglie e si barrica in casa: arrestato nella notte
TgrRaiCampania
L'irruzione dei carabinieri nella casa in cui si era barricato l'80enne a Bacoli

 

Spara alla moglie e si barrica in casa, i carabinieri per 13 ore hanno provato a convincerlo a uscire, poi l'irruzione

Dopo tredici ore di delicate e snervanti trattative i carabinieri hanno fatto irruzione in casa di Michele Costigliola, a Bacoli, nei Campi Flegrei, in provincia di Napoli, bloccandolo e sequestrando la pistola con cui al mattino aveva ferito la moglie, un'arma detenuta illegalmente.

Due i colpi sparati dall'ottantenne al culmine di un litigio: la donna, 77 anni, trasportata all'ospedale di Pozzuoli da un figlio, è ricoverata in prognosi riservata per ferite al fianco e non è in pericolo di vita.

Dopo aver fatto fuoco l'uomo si è barricato in casa e per lunghe ore non ha permesso ai militari di accedere, minacciando di uccidersi. Solo in serata ha acconsentito all'ingresso di una figlia, ma dopo dieci minuti la donna è uscita senza essere riuscita a convincere il padre ad arrendersi.

All'origine del malessere dell'uomo, ex camionista e dipendente di una pizzeria, raccontano i vicini, una condizione di salute precaria che gli aveva precluso diverse attività.

Dopo un ulteriore, vano, tentativo di negoziazione, poco prima delle 23, i carabinieri dell'Aliquota primo intervento hanno sfondato il portone d'ingresso con un ariete. Costigliola ha opposto resistenza fisica, ne è nata una breve colluttazione finita con l'arresto dell'uomo, ora accusato di tentato omicidio.
 

I carabinieri hanno bloccato Michele Costigliola, rinvenuto e sequestrato la pistola. Si chiude così un'odissea iniziata quasi sedici ore fa con il ferimento della moglie dell'uomo.

L'ambulanza si è portata sotto la casa dove l'uomo si è barricato TgrRaiCampania
L'ambulanza si è portata sotto la casa dove l'uomo si è barricato

I carabinieri hanno sfondato il portone d'ingresso dell'abitazione dove l'uomo si è barricato 13 ore fa. Stanno entrando nella casa

Poco fa sembrava potesse esserci una svolta nella negoziazione: l'uomo ha acconsentito a far entrare la figlia nell'appartamento in cui si è barricato. Ma dopo dieci minuti di colloquio, scanditi da alcune grida della stessa figlia che ha provato a convincere il padre a desistere e a consegnarsi ai carabinieri, la donna è uscita. Si torna dunque in una situazione di stallo.

Dura ormai da circa dieci ore lo stallo a Bacoli (Napoli) tra l'80enne che si è barricato in casa dopo aver ferito la moglie a colpi di pistola, e i carabinieri, che provano a convincerlo ad uscire. Un militare del Comando provinciale di Napoli sta negoziando, ma per ora inutilmente. Sul posto anche l'aliquota Pronto intervento dell'Arma con l'ariete, nel caso si decida di intervenire con la forza; eventualità che per ora non è stata presa in considerazione.

Parla l'amico: “Michele è una bravissima persona. Lo conosco da 50 anni, è sempre stato un gran lavoratore. Ha iniziato a fare il camionista, poi si è aperto una pizzeria. Da quando è andato in pensione sono iniziati gli acciacchi, negli ultimi tempi non stava tanto bene ma non riesco a spiegarmi cosa possa essere successo”. L'intervista qui

https://www.rainews.it/tgr/campania/video/2022/08/watchfolder-tgr-campania-web-ed2-dilegro-bacoli-voxmxf-4a2a1240-7015-4159-8149-b949225cfc02.html

Carabinieri all'interno dell'abitazione, sistemato un mezzo dei Vigili del Fuoco davanti all'ingresso 

Proseguono i tentativi dei carabinieri, che ora sono entrati nella parte posteriore dell'abitazione. Nei pressi anche un figlio e un nipote di Michele Costigliola anche loro impegnati nell'opera di convincimento nei confronti dell'uomo 

L'uomo barricato in casa si chiama Michele Costigliola, 80 anni. Questa mattina ha ferito con due colpi di pistola la moglie, Rosaria Emanato, ricoverata all'ospedale Santa Maria delle Grazie in prognosi riservata ma non sarebbe in pericolo di vita. Alla base del gesto dissidi familiari. L'uomo, in stato confusionale, sta ancora negoziando con i carabinieri che provano a convincerlo a lasciare l'abitazione dove in questo momento è asserragliato da solo, ancora armato. All'esterno dell'abitazione di via Terme Romane due dei tre figli della coppia e il fratello dell'uomo.

Ha prima ferito la moglie con due colpi di pistola e poi si è barricato in casa ed ora i carabinieri sono sul posto per convincerlo ad uscire. Il fatto è accaduto a Bacoli, comune del Napoletano. Protagonista della vicenda un uomo di 80 anni. L'anziano, secondo una prima ricostruzione, ha ferito la moglie di 77 anni con una pistola di piccolo calibro. La donna è stata soccorsa e portata in ospedale: è ricoverata al "Santa Maria delle Grazie" di Pozzuoli in prognosi riservata ma non è in pericolo di vita. L'uomo poi si è  barricato in casa. Un carabiniere del comando provinciale di Napoli sta negoziando per convincerlo ad uscire.


13.00 - Il fatto è avvenuto in un appartamento di una palazzina al primo piano di via Terme Romane, tra le frazioni di Baia e Fusaro. L'anziano che si è barricato in casa in zona è molto conosciuto ed appena si è diffusa la notizia sul posto si è subito radunata una folla di curiosi, tenuta a distanza dai militari dell'Arma. I carabinieri stanno lavorando per indurre l'uomo a lasciare l'abitazione. Sembrava fatta, quando l'uomo poco fa è apparso sul balcone, ma poi è rientrato in casa continuando a rifiutarsi di uscire

Il mezzo dei Vigili del Fuoco davanti alla casa Tgr Campania
Il mezzo dei Vigili del Fuoco davanti alla casa
Via Terme Romane a Bacoli Tgr Campania
Via Terme Romane a Bacoli
Michele Costigliola al balcone della sua abitazione Tgr Campania
Michele Costigliola al balcone della sua abitazione