Violenza di genere

Un sistema di allarme per le donne vittime di maltrattamenti

Carabinieri, procura, Fondazione Vodafone Italia e Soroptimist club hanno presentato a Napoli il dispositivo antiviolenza "Mobile Angel"

“Mobile Angel” è un dispositivo di allarme pensato per le donne vittime di maltrattamenti. Un sistema di allarme collegato con la centrale operativa dell’Arma che consente di intervenire tempestivamente e di accrescere la percezione di sicurezza da parte delle donne che in passato hanno subito violenze e maltrattamenti. Il progetto è stato presentato a Napoli dai carabinieri insieme a Procura della Repubblica di Napoli, Fondazione Vodafone Italia e Soroptimist International Club Napoli.

Il progetto, dopo una sperimentazione a Napoli, verrà esteso alle città di Milano e Torino e coinvolgerà 45 donne, già vittime di episodi di violenza o stalking, che, dopo aver prestato il proprio consenso, riceveranno il dispositivo collegato a una linea dedicata della Centrale operativa dei Carabinieri. I dispositivi sono inoltre dotati di un sistema di localizzazione che permette alle forze di polizia più vicine di intervenire, una volta ricevuto l’allarme.

Nel servizio le interviste a Raffaele Falcone, procuratore aggiunto della procura partenopea e a Enrico Scandone, comandante provinciale dei carabinieri di Napoli