A Secondigliano una strada per Cimminiello, vittima innocente di camorra

Gianluca, tatuatore, venne ucciso nel 2010 a 32 anni. Nel mirino dei clan per un fotomontaggio su Facebook

Gianluca Cimminiello venne ucciso dalla camorra nel 2010 ad appena 32 anni. La sua “colpa" fu quella di aver reagito a un'aggressione, ordita sempre dal clan Amato-Pagano per un innocente fotomontaggio pubblicato sui social.

Ora a Gianluca è stata intitolata una strada a Secondigliano, al lato di Largo Beato Gaetano Errico.

Nel servizio le parole della sorella della vittima, Susy Cimminiello.