Blitz antidroga a Castel Volturno, arresti e sequestri

Quattro persone coinvolte, tre sono donne. Indagini della Procura Sammaritana

Gestivano una piazza di spaccio di cocaina e hashish a Castel Volturno - i n provincia di Caserta - l'uomo e la donna arrestati dai carabinieri su ordine del Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere; lei è finita in carcere, lui ai domiciliari. Nell'inchiesta coordinata dalla Procura di Santa Maria figurano indagate altre due donne.

L'indagine è nata dopo che nell'agosto 2021 i carabinieri della stazione di Grazzanise fermarono lungo la strada che conduce a Castel Volturno un'auto con a bordo alcuni consumatori di droga; i militari sequestrarono della cocaina e ebbero notizia dagli assuntori che l'acquisto era avvenuto nel Comune del litorale domizio, presso alcuni italiani che vivevano in uno dei tanti vicoli che dalla statale Domiziana si dirigono verso il mare. 

Nella viuzza i carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere installarono su disposizione della Procura guidata da Pierpaolo Bruni una telecamera, che ha permesso loro di ricostruire l'attività di spaccio. Nel corso delle indagini sono state fermate decine di clienti dei pusher; trentatré i sequestri di coca e hashish effettuati, tutti riconducibili alla piazza di spaccio gestita dal gruppo di italiani; quasi un unicum in un territorio dove la maggior parte delle piazze di spaccio, da cui si approvvigionano assuntori e altri pusher provenienti da tutte le province campane e da altre regioni, è gestita dagli spacciatori legati alla mafia nigeriana. 

I quattro italiani coinvolti nell'attività smantellata stamani, pare non abbiano avuto alcun contrasto con i pusher africani, anzi vendevano a ritmi importanti utilizzando le proprie abitazioni. 

Nel video, il racconto del capitano Alessandro Governale, comandante compagnia carabinieri di Santa Maria Capua Vetere