Made in Cloister, al via la seconda edizione di "Interaction Napoli"

In esposizione fino al 28 settembre le opere di 30 artisti provenienti da ogni parte del mondo. Il tema: l'altro e l'alterità

L'enigma della Sfinge davanti a chi si prepara a sfidare la sorte in mare. I fenomeni migratori, le relazioni tra culture, tradizioni e religioni diverse sono il cuore di Interaction Napoli: biennale d'arte contemporanea prodotta dalla Fondazione Made in Cloister. La seconda edizione ha come tema l'altro e l'alterità.

In esposizione, fino al 28 settembre, le opere di 30 artisti provenienti da ogni parte del mondo. Per questa edizione, Made in Cloister richiama la sua missione principale: il recupero e la riconversione del patrimonio artistico di Napoli. Una storia che inizia nel 2012 con il restauro del Chiostro di Santa Caterina a Formiello e che prosegue oggi portando la biennale in altri luoghi del distretto di Porta Capuana.

Nel servizio le voci di Demetrio Paparoni, curatore della mostra e  Davide de Blasio, della Fondazione Made in Cloister.