Serie A

Napoli e Salernitana, una vittoria per continuare a sperare

Calzona con l'incognita Kvara. Iervolino: "Non voglio andare via ma per il bene dell'azienda farei un passo indietro"

Un sospiro di sollievo c'è stato, anche se i dubbi in vista della partita di domani contro l'Atalanta restano e saranno sciolti probabilmente in giornata. L'infortunio di Kvicha Kvaratskhelia non è grave: nessuna lesione, solo una contrattura per il georgiano, rimediata nella gara con cui la nazionale ha conquistato la storica qualificazione europea.
Nonostante l'importanza della gara in chiave Champions, potrebbe vincere la prudenza per non affaticare i muscoli di Kvara ed evitare uno stop prolungato. Due le ipotesi sul tavolo per Calzona: quella più tradizionale, che vede l'impiego di Raspadori sulla fascia sinistra. E quella quasi inedita, con Lindstrom in campo dal primo minuto. 


La Salernitana inizia a Pasquetta l'ennesima nuova era, quella targata Stefano Colantuono. In attesa delle prime parole del tecnico, previste per domani, è il presidente Iervolino a esporsi in una lunga intervista al Corriere della Sera e a non chiudere del tutto ad una eventuale cessione. "Non voglio andare via ma non si può mai dire. Se fosse per il bene dell'azienda farei un passo indietro", ha spiegato l'imprenditore. Che conferma in ogni caso una rivoluzione tecnica e dirigenziale a fine anno.