La stella

Kvaradona è tornato: è lui il futuro del Napoli

Rigenerato da Calzona, il georgiano sarà il faro degli azzurri dopo l'addio di Osimhen. Salernitana: Iervolino chiede l'impresa salvezza

Due flash da cui ripartire, per andare oltre lo scacco ai bianconeri e immaginare un futuro a colori. 

Il primo: Kvaratskhelia segna il gol del vantaggio e nell'esultare rabbiosamente batte la mano sul petto, poi porta le mani verso il basso. Io resto qui, sembra voler dire. Il suo contratto scade nel 2027, di rinnovo e adeguamento si riparlerà forse in estate. Con Osimhen diretto altrove, sarà lui il faro del Napoli, riacceso dalla cura Calzona. 

Il secondo: la corsa di Raspadori sul rigore respinto da Szczesny è probabilmente una mossa studiata a tavolino, e in tal caso sarebbe solo un merito ulteriore, ma appare soprattutto il simbolo della fame. Quella di un ragazzo umile sempre disposto al sacrificio anche in ruoli non suoi e in generale di una squadra rinata almeno nello spirito. 

E' a tinte fosche, invece, il futuro della Salernitana, senza Boulayé Dia, di fatto fuori rosa dopo il gran rifiuto di Udine. Iervolino insiste: "La società vuole fortemente l'impresa salvezza". Nove punti da recuperare in 11 turni non sono pochi, anche se a Cagliari potrebbe rientrare Fazio. 

In Serie C fa festa la capolista Juve Stabia: un rigore di Candellone decide il derby con la Casertana e riporta le Vespe a +7 sul Benevento.