Caccia all'impresa

Ordine e Kvaratskhelia: Napoli, ecco le chiavi per Barcellona

La zona Champions in campionato è ancora raggiungibile malgrado il pari di Torino. E anche qualificarsi ai quarti in Europa non è impossibile

Ripartire dagli applausi è il modo migliore per un'auto-iniezione di fiducia. Non è stato il miglior Napoli quello visto contro il Torino e a dire il vero non lo è quasi mai stato nelle cinque partite dell'era Calzona, se non contro il Sassuolo. Ma è un Napoli diverso, se non altro ordinato e sempre propositivo, rispetto a quello spaesato di tre settimane fa. Aspettando i risultati delle dirette concorrenti, continuare a sperare nella rimonta per il quarto o quinto posto non è così azzardato. 

Due i problemi: fragilità difensiva e le condizioni di Osimhen. Martedì a Barcellona, per il ritorno degli ottavi di Champions, potrebbe rientrare Rrahmani, anche se oggi, in parte, ha svolto ancora lavoro personalizzato. Ma l'impresa passerà soprattutto dalle accelerazioni di Kvaratskhelia. E dai suoi gol.

Nel servizio le parole di Francesco Calzona, allenatore del Napoli