Un premio nel nome di Giogiò

Il riconoscimento ai giovani allievi di tre scuole musicali. L'iniziativa, a Napoli, dell'associazione "I cantori di Posillipo"

La musica come strumento che eleva lo spirito, rimarca Santina Picone, presidente dell'associazione "I cantori di Posillipo". E la musica era quella che illuminava le giornate di Giovanbattista Cutolo, ammazzato a 24 anni lo scorso agosto in piazza Municipio. In tanti hanno voluto onorare la sua memoria nella seicentesca chiesa delle Crocelle al Chiatamone. Lo hanno fatto innanzitutto i giovanissimi musicisti di tre scuole, insigniti del premio dedicato a Giogiò.

“Mio figlio continuerà a vivere attraverso la musica”, ha detto la madre di Giovanbattista, Daniela Di Maggio, alla quale il sindaco Manfredi ha consegnato una targa.

Nel servizio, le voci di:
Santina Picone - presidente dell'associazione "I cantori di Posillipo"
Gaetano Raiola - direttore del coro "I cantori di Posillipo"
Daniela Di Maggio - madre di Giovanbattista Cutolo