Operazione salvezza, la rincorsa della Salernitana in 4 gare

Decisive le sfide con Cagliari, Lecce, Bologna e Sassuolo. In Sardegna Liverani sfida il suo recente passato e valuta il ritorno di Kastanos titolare e l'impiego di Gomis dal primo minuto.

Se nessuno se la sente di fare tabelle per ipotizzare una rincorsa alla salvezza, a guardare il calendario non si fa peccato. La partita di sabato a Cagliari è uno scontro diretto molto delicato per la Salernitana, con i sardi nove punti più su dei granata, a quota 23, quella che in questo momento varrebbe uno spareggio per non retrocedere.

Seguirà la partita interna contro il Lecce, avversario sulla carta alla portata, e, dopo la pausa per le nazionali, a inizio aprile, prima la trasferta a Bologna contro i Felsinei in piena corsa Champions, poi la gara dell'Arechi contro il Sassuolo, altra squadra in lotta per salvarsi. E' dal bottino di queste quattro partite che si capirà se i granata avranno effettive chance.

Provare a focalizzarsi sul campionato non è facile, in una settimana segnata dall'allontanamento di Dia, che non si allena più con la squadra, e dall'inchiesta della procura di Perugia sui dossier abusivi relativi anche ai protagonisti del mondo del calcio.

Ma è necessario. Liverani, che in Cagliari e Lecce ritroverà nell'arco di una settimana le squadre che ha guidato nel suo recente passato, valuta il ritorno di Kastanos dal primo minuto e l'impiego del francese Gomis in mediana, al posto di Coulibaly. Dovrebbe riproporre una difesa a quattro con Manolas, Pirola e Fazio a contendersi due posti da centrale. Il Cagliari in attacco avrà gli uomini contati, sono out Luvumbo, Pavoletti e Petagna.