Villa Ferretti, l'università più bella d'Italia, apre le sue porte al pubblico

Costruita nell'800 da armatori genovesi sul mare dell'antica Baia, poi confiscata a un boss, è sede del Centro di Archeologia subacquea della Federico II

Benvenuti nell'Università più bella d'Italia. Villa Ferretti, residenza estiva nell'Ottocento, a Bacoli, di ricchi armatori genovesi, con una meravigliosa vista sul mare di Baia, è oggi il Centro studi in Archeologia subacquea della Federico II. Ed è uno degli incantevoli luoghi aperti in via straordinaria nelle Giornate di Primavera del Fai.

Confiscata a un boss che da qui impartiva ordini agli affiliati, Villa Ferretti è rinata grazie a Soprintendenza, Comune e Università. E a colpire, insieme allo spettacolo del paesaggio, è anche la sua storia di bellezza sottratta alla malavita e restituita alla comunità.

 

Nel servizio la voce di Antonio Maiorano, capogruppo Fai di Pozzuoli e Campi Flegrei