Da Siano a Miami, Manuel Botta e il sogno del soccer a stelle e strisce

Il centrocampista originario della provincia di Salerno ha esordito nella squadra di Paolo Maldini segnando su rigore. A guidarlo c'è Antonio Nocerino

Ha iniziato con grande entusiasmo l’avventura negli States, Manuel Botta, centrocampista 21enne di Siano, nell’agro Nocerino-Sarnese, in provincia di Salerno, volato a giocare nel Miami Fc, in USL Championship, l’equivalente della serie B statunitense. Qui ha trovato un allenatore napoletano: Antonio Nocerino, ex centrocampista di Avellino, Juventus, Milan e Benevento oltre che della nazionale.

“Con Nocerino c’è stata subito una sorta di intesa - racconta Botta - posso solo imparare da lui. Infatti credo che quest’anno con lui e il suo staff crescerò tantissimo. Il mister mi sta utilizzando sia da mezzala destra sia da mediano. La mezzala è stata sempre il mio ruolo. Mediano invece è una cosa nuova, però mi sta piacendo e il mister mi sta continuando a dire che ho le qualità giuste per interpretare quel ruolo”.

Ex Polisportiva Sianese e Castel San Giorgio, poi primavera del Benevento, Manuel è passato al Brindisi in D, quindi all’Audace Cerignola con cui ha conquistato la promozione in C. Fino al salto oltreoceano, al Miami Fc, una società giovane di cui è comproprietario Paolo Maldini.

“Sono anche cittadino americano - spiega Manuel - ho entrambi i passaporti perché ho vissuto due anni a Los Angeles quando facevo le scuole medie e quindi mi piaceva giocare in Italia, ma ho sempre sognato di vivere in America”.

Botta ha esordito in campionato con un gol su rigore nella vittoria contro Colorado Switchbacks e spera di poter sfidare presto Messi in un derby con l’Inter Miami, magari in Open Cup, la coppa nazionale statunitense.