Monumenti e siti storici: in arrivo fondi per i lavori già in itinere

Previsti diciotto milioni in arrivo dal ministero della Cultura

Un lungo incontro prima della conferenza stampa di presentazione della rassegna  Pompeii Theatrum Mundi, a Roma, tra il sindaco  Gaetano Manfredi e il ministro della cultura Gennaro Sangiuliano, su una serie di progetti, a cominciare dal restauro del Maschio Angioino, chiuso a Pasqua per la caduta di pietre. Lavori per diciotto milioni con  fondi che il ministero dovrà inserire sulla nuova programmazione ma non solo. “Sono previsti investimenti per ottocento milioni in Campania”, ha  detto il ministro Sangiuliano. Lavori in corso alla Floridiana, a Capodimonte, a Villa Favorita di Ercolano, l'acquisizione del Monte di Pietà  dove potrebbe nascere il museo Totò, e ci sono anche interventi per Paestum e  Sant'Agata de' Goti. Quanto allo Stabile di Napoli, al centro lo scorso anno di un duro scontro dopo il taglio di  due milioni deciso dalla Regione, i toni al momento sembrano più sfumati. Comune e Città Metropolitana confermano il finanziamento di due milioni e ottocentomila euro. I fondi regionali  attesi per il Teatro di Napoli che  mette a punto la nuova stagione dovrebbero ammontare a un milione e ottocento ottantacinquemila euro. “La Regione Campania ci ha creduto molto, speriamo disporremmo a breve delle risorse che ci devono arrivare dal Governo” ha sottolineato l'assessore regionale Felice Casucci.