I bianconeri battono il Promitheas 61-83 e riagganciano il Buducnost

Virtus sul velluto a Patrasso

Una prova difensiva finalmente all'altezza e 22 punti di Cordinier valgono la risalita al terzo posto a due gare dalla fine del girone di Eurocup, anche se al momento gli scontri diretti sfavorevoli non garantiscono il fattore campo alle Vu nere.

Virtus sul velluto a Patrasso
Virtus Segafredo Bologna
Isaia Cordinier

Una volta tanto le Vu nere tengono alto il livello difensivo per 40 minuti su 40 contro il Promitheas, la squadra che fino a ieri  concedeva più punti agli avversari proprio insieme ai bianconeri nell'intera Eurocup. Senza Belinelli e Teodosic coach Scariolo può schierare dei quintetti resi più arcigni dagli ultimi arrivati Hackett e Shengelia. Il grande portagonista della serata è però Isaia Cordinier, che comincia a segnare in tutti i modi, da 3 e da due punti. I greci restano a galla solo grazie a Rogkavoupoulos, che infila da oltre metà campo la tripla del 16-21 sulla sirena del primo quarto. La gara resta in discussione fino all'intervallo lungo sul 30-36. E lo strappo decisivo arriva in un terzo periodo in cui la Virtus segna 32 punti sempre trascinata da Cordinier, che regala al pubblico di Patrasso una schiacciata da cineteca, favorita da un assist al bacio di Nico Mannion. Oltre all'esplosivo francese si riaccende anche Kyle Weems, che torna ai suoi livelli realizzativi bruciando la retina da oltre l'arco dei 6.75 e da sotto canestro. Il divario raggiunge i 31 punti anche grazie all'apporto dei pivot Jaiteh e Tessitori e di Kevin Hervey, al rientro dall'ennesimo infortunio. Finisce 61-83 con 22 punti, 6 assist e 29 di valutazione per Cordinier. 15 punti per Weems e 11 più 9 rimbalzi per Jaiteh. Dall'altra parte 20 con 8/11 al tiro per Rogkavoupoulos e 12 per Jerai Grant, mentre l'ex di turno Gaddy si ferma a 9, non va oltre i 6 punti Kendrick Ray, fatello dell'altro ex bianconero Allan Ray, e l'ex fortitudino Dario Hunt segna solo due liberi. Con questa agevole vittoria la Virtus riaggancia il Buducnost al terzo posto insieme a Lubiana, ma la classifica avulsa relega la squadra di Scariolo al quinto posto a due giornate dalla fine del girone B. In questo momento l'avversaria dell'ottavo di finale in gara secca in trasferta sarebbe Andorra. E martedì prossimo a Bologna arriva la capolista Gran Canaria.