In aula i genitori di Sara Pedri

Per la prima volta hanno partecipato ad un'udienza riguardante la scomparsa della ginecologa forlivese di 32 anni

In aula i genitori di Sara Pedri
TGR EMILIA ROMAGNA
Una foto della ginecologa forlivese

A Trento, per la prima volta, sono in aula anche i genitori di Sara Pedri, la ginecologa forlivese di 32 anni di cui non si sa più nulla dal 4 marzo dell'anno scorso subito dopo il trasferimento all'ospedale di Cles da cui si era dimessa 24 ore prima della sparizione. Dall'altra parte dei banchi, l'ex primario di Ostetricia e Ginecologia del Santa Chiara, Saverio Tateo, e la sua vice Liliana Mereu: entrambi sono iscritti nel registro degli indagati per presunti maltrattamenti e abuso dei mezzi di correzioni ai danni di 21 tra medici, infermieri e personale sanitario tra cui la stessa Pedri. Il Giudice per le indagini preliminari oggi ha riaperto l'incidente probatorio, richiesto dalla Procura, per capire se e quando ci furono episodi vessatori così come ricostruito dai carabinieri del Nas. A testimoniare, un'altra delle sei ginecologhe informate sui fatti. 

Nel servizio di Danilo Elia la voce di Mirella Santoni, la madre di Sara Pedri