Inizio weekend tragico sulle strade

Nel cesenate un motociclista travolge alcuni ciclisti. In uno scontro in A14 muore una nonna, grave il nipotino. Due trentenni intrappolati nel rogo della loro auto

Inizio weekend tragico sulle strade
LCC
Vigili del fuoco in autostrada

Sette vittime della strada in poche ore. Un bilancio particolarmente pesante all'inizio di questo fine settimana. Due trentenni di origine moldava, residenti nel bolognese, sono morti all'interno della loro auto, in fiamme. L'incidente attorno alle tre di notte a Bologna, in corrispondenza della cosiddetta "rotonda dei polacchi", alle porte di San Lazzaro. Il veicolo ha sbandato, finendo fuori strada e sbattendo contro un contrafforte in calcestruzzo, poi ha preso fuoco senza lasciare scampo a chi era all'interno. 

A Forlimpopoli, scontro frontale tra due auto poco dopo le 8. La vittima, un forlivese di 63 anni, che si trovava alla guida di uno dei due veicoli. Ferita, ma non in pericolo di vita, l'altra autista, 25enne. 

Poche ore dopo, verso le 13 - altra tragedia sempre in Romagna. A Cesena, nella frazione collinare di Borgo Rose a Borello, un motociclista ha travolto un gruppo di ciclisti. Il tragico bilancio è di 2 morti: il centauro 66enne e un ciclista di 58 anni.

E un altro motociclista - 60 anni, residente a Rimini - è morto questa mattina nell'aretino, dopo aver perso il controllo del mezzo ed essere caduto rovinosamente a terra mentre percorreva una strada sterrata. Infine, si trova tuttora ricoverato in prognosi riservata al Maggiore di Bologna, dopo essere stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico, il bimbo di nove anni che era a bordo del camper travolto da un camion ieri sera, nel tratto bolognese dell'A14. Un incidente costato la vita alla nonna 63enne del piccolo. Il camper si era appena fermato per un'avaria nella corsia di destra, in quel momento chiusa al traffico, quando è sopraggiunto il mezzo pesante. Feriti, ma in maniera meno grave, il padre del bimbo e la sorella maggiore, come pure l'autista del camion. Unico illeso il nonno, marito della vittima, che era sceso per verificare i motivi del guasto.

Il servizio di Francesco Rossi