Si apre il processo per l'omicidio di Chiara

La sedicenne di Monteveglio era stata picchiata e accoltellata

Si apre il processo per l'omicidio di Chiara
LaPresse
La fiaccolata per Chiara Gualzetti

Stamane davanti al Gup del Tribunale per i Minorenni di Bologna l'udienza del processo con rito abbreviato per la morte di Chiara Gualzetti, la 16enne uccisa il 27 giugno 2021, nel bosco dell'abbazia di Monteveglio, nelle vicinanze di casa.  Alla sbarra un coetaneo, accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione, dai futili motivi e dalla minore età della vittima. Una consulenza psichiatrica ha giudicato il ragazzo capace di intendere e di volere.  L'imputato ha chiesto di fare delle dichiarazioni poco dopo l'inizio dell'udienza.

Già oggi per lui potrebbe arrivare la sentenza. L’avvocato Tanja Fonzari, che difende il sedicenne, aveva infatti chiesto il rito abbreviato col quale l'eventuale pena avrebbe automaticamente lo sconto di un terzo.

In tribunale sono presenti anche i genitori di Chiara Gualzetti, Vincenzo e Giusi, usciti dall'aula solo per il tempo necessario alle dichiarazioni spontanee dell'imputato. In via del Pratello, anche alcuni amici e amiche di Chiara, che non hanno voluto rilasciare dichiarazioni.