Trapianti, in regione Casteldeci in cima alla classifica

L'Emilia Romagna è ottava a livello nazionale

Trapianti, in regione Casteldeci in cima alla classifica
Tgr Emilia Romagna
Chirurghi in sala operatoria.

Tre parametri ponderati, basati sulle intenzioni espresse al momento di fare la carta d'identità elettronica. Così il centro nazionale trapianti calcola l'indice del dono e nell'ultimo rapporto c'è il comune riminese di Casteldelci in cima alla classifica dei più generosi in Emilia Romagna. In questo borgo della Valmarecchia quasi l'85 per cento della popolazione ha espresso il consenso alla donazione di organi e tessuti, con un'astensione sotto il 18. Al secondo posto Casola Valsenio in provincia di Ravenna. Sul podio anche Frassinoro, località dell'appennino modenese. La propensione al dono dell'Emilia Romagna, ottava regione a livello nazionale due punti sopra la media, spicca anche nella graduatoria delle città con più di 100mila abitanti, dove Ferrara è quarta, grazie al 76 per cento di consensi. Tra le province la migliore è Bologna, 14esima su 107 in tutta Italia. Una manifesta generosità che al Policlinico Sant'Orsola si traduce in eccellenza chirurgica. Qui i numeri eccezionali sono quelli degli interventi: ultimamente undici in quattro giorni, tra cui un doppio trapianto di reni.

L'intervista di Francesco Tomei a Gabriella Sangiorgi, coordinatrice del centro trapianti del Sant'Orsola di Bologna