Un arresto per lo stupro di Gatteo

I Carabinieri hanno fermato un trentenne marocchino, sospettato della violenza sessuale avvenuta l'11 febbraio scorso in Romagna

Un arresto per lo stupro di Gatteo
LCC
Carabinieri


Lo scorso 11 febbraio, dopo avere aggredito e violentato una donna di 60 anni, vicino alla foce di del Rubicone, tra la passeggiata e la spiaggia, era scappato da Gatteo Mare. Trent'anni anni, di origine marocchina, senza permesso di soggiorno, i carabinieri lo hanno rintracciato e arrestato nel Veronese. Si nascondeva in un casolare, ospitato da alcuni connazionali. Gli investigatori lo hanno rintracciato dopo una indagine accurata. Grazie al primo identikit fornito dalla vittima sono riusciti a restringere il campo dei sospettati. Nell'elenco anche il 30enne che si trovava da qualche mese a Gatteo Mare, a casa di alcuni parenti, probabilmente per cercare lavoro. I familiari - estranei alla vicenda - dopo la fuga non l'hanno più sentito. A tradirlo sono stati i social. Monitorando i suoi profili i carabinieri - coordinati dalla Procura di Forlì - lo hanno localizzato e catturato. Il fermo è stato convalidato e ora l'uomo si trova in carcere a Verona. 

Il servizio di Franz Giordano