Al via la quarta dose

Riaprono le aree covid in tutti gli ospedali Ausl di Modena

Al via la quarta dose
Tgr Emilia Romagna
un reparto covid

L'Emilia-Romagna è pronta per la quarta dose, tecnicamente indicata come seconda dose di richiamo o "second booster": al via già da domani le prenotazioni. Destinatari sono tutti i cittadini a partire dai 60 anni di età - una platea di circa 850mila persone - e quelli con elevata fragilità, motivata da patologie concomitanti o preesistenti, dai 12 anni compiuti in su (quindi nati a partire dal 2010). Rimangono naturalmente attive le vaccinazioni per gli over 80, aperte ormai da mesi. Dopo il via libera ufficiale di Ministero della Salute, Consiglio superiore di sanità, Agenzia italiana del farmaco e Istituto superiore di sanità, che hanno inviato una nota congiunta alle Regioni, ilServizio Sanitario Regionale si è organizzato in tempi rapidi per rispondere alla nuova sfida organizzativa. I nuovi positivi restano sopra quota 6000 - sono 6503. La curva sembra dunque crescere meno rapidamente rispetto ai picchi da 8000 e 9000 contagi della settimana scorsa - anche considerando l'aggiunta di alcuni casi non inseriti in precedenza - ma i numeri di questa ondata estiva restano alti. Sono 21 i nuovi decessi registrati e se la situazione nelle terapie intensive regionali è stabile - con 46 pazienti - i ricoveri negli altri reparti covid salgono di 49. L'impatto però si vede soprattutto sui casi attivi. Ora sono oltre 77.200, una settimana fa erano poco più di 61mila: sono dunque quasi 16000 i malati effettivi in più in soli 7 giorni. Con queste cifre gestire il tracciamento potrebbe diventare complesso e si discute della possibilità di vie alternative. Riaprono le aree covid negli ospedali modenesi a gestione Ausl.

Nel servizio di Francesca Romanelli, montato da Matteo Cotugno, l'intervista a Vittorio Sambri, direttore dell'unità di microbiologia dell'Ausl Romagna.