Incidente di Pinarella, c'è un arresto

La giovane alla guida della Mercedes aveva un tasso alcolemico molto superiore al consentito

Incidente di Pinarella, c'è un arresto
Tgr Emilia Romagna
Il luogo dell'incidente.

E' stata dimessa dall'ospedale la 23enne indagata per il tragico schianto avvenuto tra venerdì e sabato notte a Pinarella di Cervia, nel ravennate. Tre morti e tre feriti, il più grave incidente da inizio anno qui sul litorale. Per lei le accuse sono pesantissime: omicidio plurimo stradale e lesioni stradali aggravate dalla guida in stato di ebbrezza. I test hanno infatti rilevato un tasso alcolemico superiore di due volte rispetto a quello consentito.

Le indagini sono ancora in corso, ma secondo le prime ricostruzioni degli investigatori la giovane non era lucida. Originaria del bresciano, quella notte era alla guida di una Mercedes bianca: stava andando verso Cesena insieme a un'amica. All'improvviso la sua auto avrebbe invaso l'altra corsia travolgendo una Fiat Panda e un motorino che arrivavano dalla parte opposta. L'impatto è stato violento, la piccola utilitaria ribaltata sull'asfalto, un ammasso di lamiere che non ha lasciato scampo alle due donne a bordo di 52 e 62 anni, uscite per una serata in compagnia. Con loro una terza donna rimasta gravemente ferita. Niente da fare nemmeno per il 39enne di Forlì che guidava lo scooter. Lascia la moglie e una bambina di 9 anni.

Per la ragazza al volante della Mercedes, dunque, è scattato subito l'arresto. Insieme all'amica ha riportato solo ferite lievi. Ora è in attesa di comparire davanti al giudice per l'udienza di convalida.

Il servizio di Marco Procopio, montato da Diego Gualandi