"La baby sitter può affrontare il processo, vizio di mente solo parziale"

A stabilirlo la perizia psichiatrica sulla 32enne che a Soliera gettò un bambino di 13 mesi dalla finestra

"La baby sitter può affrontare il processo, vizio di mente solo parziale"
Tgr Emilia Romagna
Il fermo della baby sitter

Può affrontare il processo Monica Santi, la babysitter carpigiana accusata di tentato omicidio per aver gettato dalla finestra, lo scorso maggio a Soliera nel modenese, il bimbo di 13 mesi a lei affidato. Lo ha stabilito la perizia psichiatrica dei consulenti nominati dal tribunale di Modena. Secondo la relazione, discussa in sede di incidente probatorio, la 32enne era affetta da un vizio parziale di mente al momento dell'accaduto. il consulente della difesa ritiene invece che il vizio fosse totale con incapacità di intendere e volere. Tutti gli specialisti concordano sulla pericolosità sociale della donna, attualmente detenuta nel carcere di Modena

Maria Chiara Perri