Sgarbi: "Ferrara avrà un suo polo museale autonomo"

Il sottosegretario. "Non è meno gloriosa di Modena"

Sgarbi: "Ferrara avrà un suo polo museale autonomo"
ANSA
ANSA

La città di Ferrara avrà un suo polo museale. E' quanto detto, così riporta una nota del Comune emiliano, dal sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi, nell'annunciare una riforma del sistema delle Gallerie estensi, che saranno separate da Modena. "Ferrara avrà un proprio polo museale autonomo, costituito dalla pinacoteca nazionale di palazzo dei Diamanti, dal museo archeologico di Palazzo Costabili e dal museo di Casa Romei", ha osservato Sgarbi da Palazzo Bonacossi dove si è inaugurata questa sera la mostra dedicata all'imprenditore, mecenate, collezionista ferrarese Vittorio Cini. "Ferrara - ha argomentato il sottosegretario - è una capitale, e tra i tanti motivi che la rendono una capitale c'è anche la nascita di Cini, un ferrarese potente e convinto della centralità di Ferrara". La città, ha proseguito Sgarbi, "ha una propria scuola ferrarese rinascimentale, inaugurerà a breve la prima mostra in quattro tappe sul Rinascimento, che segnerà la riapertura di Palazzo dei Diamanti), nel Novecento è diventata capitale del mondo grazie al suo Castello che compare nelle Muse inquietanti di de Chirico ed è stata, grazie all'intuizione di Franco Farina, il primo polo di arte contemporanea, nel 1963. Non è meno gloriosa di Modena - ha concluso - e merita una propria autonomia".