Sisma, confermata assoluzione per morti alla Ceramica

Due le vittime dopo il crollo dei capannoni nel 2012. La procura aveva chiesto una condanna a due anni e sei mesi

Sisma, confermata assoluzione per morti alla Ceramica
ANSA
ANSA

 La Corte d'appello di Bologna ha confermato l'assoluzione per una delle tragedie del terremoto del 2012 nel Ferrarese, alla Ceramica S.Agostino (Ferrara), dove il 20 maggio di 10 anni fa, nel crollo dei capannoni per le scosse sismiche, persero la vita Nicola Cavicchi, 35 anni e Leonardo Ansaloni, 51 anni. 

La procura, con il pg, Stefano Orsi, aveva chiesto la condanna a due anni e sei mesi; il processo si è concluso con l'assoluzione degli imputati rimasti, il titolare dell'azienda, Ennio Manuzzi, e il responsabile della sicurezza, Andrea Fipertani, difesi rispettivamente da Riccardo Caniato e Tullio Padovani, Tommaso Guerini e Mariano Rossetti. Entrambi sono stati assolti con formula piena dalle accuse mosse dalla procura, per la violazione delle norme di sicurezza. 

"Siamo soddisfatti della decisione della Corte, un'assoluzione che chiude questa tragedia: speriamo sia stato raggiunto un punto fermo e definitivo su questa tristissima vicenda", ha commentato dopo la sentenza di assoluzione uno dei legali, Riccardo Caniato. Oltre alla tragedia alla Ceramica S. Agostino durante il sisma morirono nel Ferrarese l'operaio Gerardo Cesaro, 51 anni, alla Tecopress di Dosso e Tarik Naouch, 29anni, vittima all'interno dell'Ursa di Stellata di Bondeno: nei due processi su questi casi vi era stato il riconoscimento di responsabilità delle aziende per violazioni di sicurezza sui lavoratori, e sulla base di questi atti la procura aveva proposto appello per la Ceramica S.Agostino.